Tumore polmone
Ers
Ats

Recidiva del declino di FEV1 dopo interruzione degli steroidi nella BPCO


È stato già osservato che 30 mesi di trattamento con corticosteroidi per via inalatoria ( ICS ) possono attenuare il declino di FEV1 nella broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ), ma non è chiaro se la loro sospensione induca una ricaduta.
Si è ipotizzato che il declino di FEV1, l’iperreattività delle vie aeree ( AHR ) e la qualità di vita ( QOL ) peggiorino dopo la cessazione dei corticosteroidi per via inalatoria, anche dopo un uso prolungato.

114 pazienti con BPCO da moderata a grave hanno concluso un trattamento randomizzato di 6 mesi o 30 mesi con Fluticasone ( 500 mcg bid ), un trattamento di 30 mesi con Fluticasone e Salmeterolo ( 500/50 mcg bid ), oppure placebo ( prima parte dello studio GLUCOLD, Groningen and Leiden Universities Corticosteroids in Obstructive Lung Disease study, GL1 ).

Nei successivi 5 anni, i pazienti sono stati seguiti in modo prospettico ogni anno e trattati dal proprio medico ( follow-up dello studio GLUCOLD, GL2 ).

FEV1 postbroncodilatatore, iperreattività delle vie aeree, e qualità di vita sono stati inizialmente registrati al basale, a 30 mesi ( GL1 ) e ogni anno durante GL2.

Su 101 pazienti aderenti durante GL1, 79 hanno iniziato e 58 hanno completato GL2.

I pazienti che hanno utilizzato i corticosteroidi per via inalatoria durante GL1, ma che hanno utilizzato i corticosteroidi per via inalatoria solo per lo 0-50% del tempo durante GL2 ( n=56 di 79 ), hanno presentato una flessione annuale notevolmente accelerata di FEV1 rispetto a GL1 ( differenza GL2-GL1: trattamento di 30 mesi con Fluticasone e Salmeterolo, -68 ml/anno, -112 a -25, P=0.002; trattamento di 30 mesi con Fluticasone, -73 ml/anno, -119 a -26, P=0.002 ), accompagnato da un deterioramento della iperattività delle vie aeree e delal qualità di vita.

La sospensione dei corticosteroidi per via inalatoria dopo 30 mesi di BPCO può peggiorare il declino della funzione polmonare, dell’iperreattività delle vie aeree e della qualità di vita durante 5 anni di follow-up.
Ciò suggerisce che il trattamento con i corticosteroidi per via inalatoria manchi di un effetto prolungato modificante la malattia dopo l’interruzione del trattamento. ( Xagena2015 )

Kunz LIZ et al, Chest 2015; 148: 389-396

Pneumo2015 Farma2015


Indietro