Ats
Esmr
Ers

Ventilazione non-invasiva a pressione positiva per il trattamento della malattia polmonare ostruttiva cronica stabile in forma grave


L’evidenza è debole per la capacità della ventilazione non-invasiva a lungo termine a pressione positiva ( NPPV ) nel migliorare la sopravvivenza nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) stabile ipercapnica.
Precedenti studi prospettici non hanno esaminato una riduzione della ipercapnia durante la regolazione delle impostazioni del ventilatore.

Uno studio ha valutato l'effetto della ventilazione a pressione positiva non-invasiva a lungo termine, mirata a ridurre notevolmente l’ipercapnia, sulla sopravvivenza nei pazienti con BPCO ipercapnica avanzata stabile.

Questo studio clinico controllato, prospettico, multicentrico, randomizzato, ha arruolato pazienti con BPCO di stadio GOLD IV e una pressione parziale di anidride carbonica ( PaCO2 ) di 7 kPa ( 51.9 mmHg ) o superiore e pH superiore a 7.35.

La ventilazione a pressione positiva non-invasiva è stata mirata a ridurre al basale la PaCO2 di almeno il 20% o a conseguire valori di PaCO2 inferiori a 6.5 kPa ( 48.1 mmHg ).

I pazienti sono stati randomizzati a continuare il trattamento standard ottimizzato ( gruppo di controllo ) o a ricevere ventilazione non-invasiva a pressione positiva supplementare per almeno 12 mesi ( gruppo di intervento ).

L'endpoint primario era la mortalità per tutte le cause a 1 anno.

I pazienti sono stati reclutati da 36 Centri respiratori in Germania e in Austria, a partire dall’ultimo trimestre 2004, e si è concluso a fine luglio 2011.

Un totale di 195 pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo ventilazione non-invasiva a pressione positiva ( n=102 ) o al gruppo di controllo ( n=93 ).

Tutti i pazienti del gruppo di controllo e del gruppo ventilazione non-invasiva a pressione positiva sono stati inclusi nell'analisi primaria.

La mortalità a 1 anno è stata del 12% ( 12 pazienti su 102 ) nel gruppo di intervento e del 33% ( 31 pazienti su 93 ) nel gruppo di controllo; hazard ratio, HR=0.24; P=0.0004 ).

14 pazienti ( 14% ) hanno riportato rash cutaneo al viso, che potrebbe essere gestito modificando il tipo di maschera.

Non sono stati segnalati altri eventi avversi correlati all’intervento.

L'aggiunta di ventilazione non-invasiva a pressione positiva a lungo termine al trattamento standard ha migliorato la sopravvivenza dei pazienti con BPCO ipercapnica stabile quando la ventilazione non-invasiva con pressione positiva era mirata a ridurre notevolmente l’ipercapnia. ( Xagena2014 )

Köhnlein T et al, Lancet 2014;2:698-705

Pneumo2014



Indietro