Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
XagenaNewsletter

Funzione cardiovascolare e prognosi dei pazienti con insufficienza cardiaca coesistente con malattia polmonare ostruttiva cronica


La broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) spesso coesiste con lo scompenso cardiaco, ed è considerata essere associata a esiti avversi nei pazienti con scompenso cardiaco.
Tuttavia, le caratteristiche della funzione cardiovascolare e il dettaglio di mortalità per tutte le cause di insufficienza cardiaca con BPCO rimangono non ben definite.

Un totale di 378 pazienti, consecutivi, ricoverati per insufficienza cardiaca che sono stati sottoposti a spirometria sono stati divisi in tre gruppi: insufficienza cardiaca senza BPCO ( gruppo non-BPCO, n=272 ), insufficienza cardiaca con BPCO lieve ( gruppo GOLD I, n=82 ), e insufficienza cardiaca con BPCO moderata ( gruppo GOLD II, n=24 ).

Il gruppo GOLD II, rispetto al gruppo non-BPCO, presentava più alti livelli di troponina T ( p=0.009 ); maggiore indice vascolare cuore-caviglia ( p=0.032 ); e simile funzione sistolica e diastolica del ventricolo destro e sinistro.

Inoltre, i tassi di mortalità cardiaca ( p=0.049 ), non-cardiaca ( p=0.001 ), e di mortalità per tutte le cause ( p=0.002 ) sono risultati più alti nel gruppo GOLD II che nei gruppi non-BPCO e GOLD I.

Nell’analisi del rischio proporzionale di Cox, lo stadio GOLD II era un predittore indipendente di mortalità cardiaca ( p=0.038 ), non-cardiaca ( p=0.036 ), e di mortalità per qualsiasi causa ( p=0.015 ) nei pazienti con scompenso cardiaco.

In conclusione, i pazienti con scompenso cardiaco con coesistente forma moderata di BPCO ( stadio GOLD II ) presentano un maggior danno miocardico, maggiore rigidità arteriosa, e più alta mortalità cardiaca e non-cardiaca. ( Xagena2014 )

Yoshihisa A et al, J Cardiol 2014; Epub ahead of print

Pneumo2014 Cardio2014



Indietro