Pneumobase.it
XagenaNewsletter
OncoPneumologia
Esmr

Mepolizumab per malattia polmonare ostruttiva cronica eosinofila


I pazienti con malattia polmonare cronica ostruttiva ( BPCO ) con un fenotipo eosinofilo possono beneficiare del trattamento con Mepolizumab ( Nucala ), un anticorpo monoclonale diretto contro l'interleuchina-5 ( IL-5 ).

Sono stati eseguiti due studi clinici di fase 3, randomizzati, controllati con placebo, in doppio cieco, a gruppi paralleli che hanno confrontato Mepolizumab ( 100 mg in METREX, 100 o 300 mg in METREO ) con placebo, somministrati come iniezione sottocutanea ogni 4 settimane per 52 settimane in pazienti con BPCO che avevano una storia di esacerbazioni moderate o gravi durante l'assunzione della terapia di mantenimento tripla a base di glucocorticoidi per via inalatoria.

In METREX, pazienti non-selezionati nella popolazione intention-to-treat modificata con un fenotipo eosinofilo sono stati stratificati in base alla conta di eosinofili nel sangue ( 150 o più per millimetro cubo allo screening o 300 o più per millimetro cubo durante l'anno precedente ).

In METREO, tutti i pazienti avevano una conta di eosinofili nel sangue di almeno 150 per millimetro cubo allo screening o almeno 300 per millimetro cubo durante l'anno precedente.

L'endpoint primario era il tasso annuale di esacerbazioni moderate o gravi ed è stata valutata anche la sicurezza.

In METREX, il tasso medio annuo di esacerbazioni moderate o gravi nella popolazione intention-to-treat modificata con un fenotipo eosinofilico ( 462 pazienti ) è stato di 1.40 all'anno nel gruppo trattato con Mepolizumab rispetto a 1.71 all'anno nel gruppo placebo ( rate ratio, RR=0.82; P=0.04 ); non sono state riscontrate differenze significative tra i gruppi nella popolazione complessiva intention-to-treat modificata ( n=836 ) ( RR=0.98; P maggiore di 0.99 ).

In METREO, il tasso medio annuo di esacerbazioni moderate o gravi è stato di 1.19 all'anno nel gruppo trattato con Mepolizumab 100 mg, 1.27 all'anno nel gruppo trattato con Mepolizumab 300 mg e 1.49 all'anno nel gruppo placebo.

I rate ratio per le esacerbazioni nei gruppi di 100 mg e 300 mg di Mepolizumab rispetto al gruppo placebo sono stati 0.80 ( P=0.07 ) e 0.86 ( P=0.14 ), rispettivamente.

Un maggiore effetto di Mepolizumab, rispetto al placebo, sul tasso annuale di esacerbazioni moderate o gravi è stato riscontrato tra i pazienti con conta eosinofila più alta del sangue allo screening.

Il profilo di sicurezza di Mepolizumab è stato simile a quello del placebo.

In conclusione, Mepolizumab alla dose di 100 mg è stato associato a un tasso annuale inferiore di esacerbazioni moderate o gravi rispetto al placebo tra i pazienti con BPCO e un fenotipo eosinofilo.
Questa scoperta suggerisce che l'infiammazione delle vie aeree eosinofile contribuisce alle esacerbazioni di BPCO. ( Xagena2017 )

Pavord ID et al, N Engl J Med 2017; 377: 1613-1629

Pneumo2017 Allergo2017 Farma2017


Indietro