Ers
OncoPneumologia
Esmr
Ats

La conta degli eosinofili nel sangue periferico potrebbe aiutare a identificare quei pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) che avranno meno esacerbazioni assumendo corticosteroid ...


La tripla terapia somministrata per via inalatoria una volta al giorno ha ridotto le riacutizzazioni della BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) moderate o gravi e ha migliorato la funzionalit ...


I pazienti con malattia polmonare cronica ostruttiva ( BPCO ) con un fenotipo eosinofilo possono beneficiare del trattamento con Mepolizumab ( Nucala ), un anticorpo monoclonale diretto contro l'inter ...


I pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) lieve o moderata, raramente ricevono farmaci, perché hanno pochi sintomi. Si è ipotizzato che l'uso a lungo termine di Tiotropio ( Spiriv ...


La prescrizione di una statina entro un anno dalla diagnosi di malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) è risultata associata a una riduzione del 21% del rischio successivo di mortalità per qual ...


L’identificazione di un biomarcatore che predice la risposta ai corticosteroidi per via inalatoria potrebbe aiutare a valutare il profilo di rischio / beneficio dei corticosteroidi per via inalatoria ...


L’evidenza per la gestione della malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO; broncopneumopatia cronica ostruttiva ) provengono da studi di efficacia strettamente monitorati che hanno coinvolto grupp ...


In Italia la BPCO ( bronco pneumopatia cronica ostruttiva ) colpisce tra l'8 e il 12% della popolazione adulta. I fumatori sono le persone a più alto rischio ( 20-40% con malattia conclamata ). Si st ...


La malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) spesso coesiste con la malattia cardiovascolare. I trattamenti per la limitazione del flusso aereo potrebbero migliorare la sopravvivenza e gli esit ...


I glucocorticoidi sistemici riducono l'incidenza della displasia broncopolmonare tra i bambini estremamente pretermine, ma possono compromettere lo sviluppo del cervello. Gli effetti dei glucocortic ...


I glucocorticoidi sistemici riducono l'incidenza della displasia broncopolmonare tra i bambini estremamente pretermine, ma possono compromettere lo sviluppo del cervello. Gli effetti dei glucocortic ...


La terapia antibiotica a lungo termine è usata per prevenire le riacutizzazioni di BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ), ma c'è incertezza sul fatto che questa possa ridurre i batteri delle v ...


È stata esaminata l'ipotesi secondo cui l'uso di statine in soggetti con malattia polmonare cronica ostruttiva ( BPCO ) è associato a un ridotto rischio di riacutizzazioni. Sono stati identificati ...


QVA149 è un broncodilatatore doppio da assumere una volta al giorno ( o.d. ) per via inalatoria e che contiene una combinazione a dose fissa del beta-2-agonista a lunga durata d'azione ( LABA ) di Ind ...


Le linee guida per la BPCO raccomandano l'uso combinato per via inalatoria di beta-2 agonisti a lunga durata d’azione ( LABA ) e antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ( LAMA ) se i sintomi n ...