Pneumobase.it
Tumore polmone
XagenaNewsletter
OncoPneumologia

Effetto del Bromuro di Aclidinio sui principali eventi cardiovascolari ed esacerbazioni nei pazienti ad alto rischio con malattia polmonare ostruttiva cronica: studio ASCENT-COPD


Si teme che gli antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione aumentino la morbilità o la mortalità cardiovascolare nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).
Sono state determinate la sicurezza cardiovascolare ( non-inferiorità ) e l'efficacia ( superiorità ) del Bromuro di Aclidinio ( Bretaris Genuair ), 400 microg due volte al giorno, in pazienti con BPCO e malattie cardiovascolari o fattori di rischio.

Lo studio multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, ASCENT-COPD è stato condotto in 522 siti nel Nord America.
Sono stati randomizzati in totale 3.630 pazienti con BPCO da moderata a molto grave e con anamnesi di malattia cardiovascolare o almeno 2 fattori di rischio aterotrombotico.
Il periodo di follow-up era fino a 3 anni, fino al verificarsi di almeno 122 eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ).
Il primo paziente è stato arruolato nel 2013 e l'ultimo nel 2016.
Il paziente finale ha completato il follow-up nel 2017.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Aclidinio ( n=1.812 ) oppure placebo ( n=1.818 ) mediante inalatore di polvere secca, due volte al giorno per un massimo di 3 anni.

L'endpoint primario di sicurezza era il tempo al primo MACE fino a 3 anni ( hazard ratio [ HR ] IC 97.5% margine di non-inferiorità =1.8 ).
L'endpoint primario di efficacia era il tasso annuale di esacerbazione della BPCO durante il primo anno di trattamento.
Gli esiti secondari includevano una definizione MACE estesa ( tempo al primo MACE o evento cardiovascolare grave di interesse ) e un tasso annuale di esacerbazioni che richiedevano il ricovero in ospedale.

Tra i 3.589 pazienti analizzati ( età media, 67.2 anni; 58.7% maschi ), 2.537 ( 70.7% ) hanno completato lo studio.
Di questi, 69 ( 3.9% ) con Aclidinio e 76 ( 4.2% ) con placebo avevano un MACE ( HR, 0.89 ); la definizione di MACE ampliata includeva 168 ( 9.4% ) pazienti con Aclidinio versus 160 ( 8.9% ) pazienti con placebo con eventi ( HR, 1.03 ).

Tassi di esacerbazione annuali da moderati a gravi ( Aclidinio, 0.44; placebo, 0.57; rate ratio, 0.78; P minore di 0.001 ) e tasso di esacerbazioni che richiedevano il ricovero in ospedale ( Aclidinio, 0.07; placebo, 0.10 ; rate ratio, 0.65; P=0.006 ) è diminuito significativamente con Aclidinio versus placebo.

Gli eventi avversi più comuni sono stati polmonite ( Aclidinio, 109 eventi, 6.1%; placebo, 105 eventi, 5.8% ), infezione del tratto urinario ( Aclidinio, 93 eventi, 5.2%; placebo, 89 eventi, 5.0% ), e infezione del tratto respiratorio superiore ( Aclidinio, 86 eventi, 4.8%; placebo, 101 eventi, 5.6% ).

Tra i pazienti con BPCO e aumento del rischio cardiovascolare, l'Aclidinio è risultato non-inferiore al placebo per il rischio di MACE a 3 anni.
Il tasso di esacerbazioni di BPCO da moderate a gravi è stato ridotto nel primo anno. ( Xagena2019 )

Wise RA et al, JAMA 2019; 321: 1693-1701

Pneumo2019 Cardio2019 Farma2019


Indietro