Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
XagenaNewsletter

Eosinofili nel sangue e risposta al trattamento con tripla e doppia terapia combinata nella broncopneumopatia cronica ostruttiva: analisi dello studio IMPACT


Precedenti studi hanno evidenziato una relazione tra riduzione del tasso di esacerbazioni con terapie contenenti corticosteroidi per via inalatoria ( ICS ) e conta degli eosinofili nel sangue al basale in pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).

Lo studio IMPACT ha dimostrato che la tripla terapia con singolo inalatore una volta al giorno ha ridotto significativamente le esacerbazioni rispetto alle terapie doppie.
La conta ematica degli eosinofili e lo stato di abitudine al fumo potrebbero essere importanti modificatori della risposta al trattamento con corticosteroidi per via inalatoria.
Sono state studiate queste relazioni e le loro interazioni, compresi esiti diversi dalle esacerbazioni.

IMPACT era uno studio globale di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, a gruppi paralleli, di 52 settimane, che ha confrontato la tripla terapia con un singolo inalatore una volta al giorno ( Fluticasone furoato - Umeclidinio-Vilanterolo ) con la terapia con doppia inalazione ( Fluticasone furoato - Vilanterolo o Umeclidinio-Vilanterolo ).

I pazienti eleggibili avevano BPCO da moderata a molto grave e almeno una esacerbazione moderata o grave nell'anno precedente.
Sono stati usati polinomi frazionari per modellare la conta continua degli eosinofili nel sangue e la regressione binomiale negativa per il numero di esacerbazioni moderate e gravi, esacerbazioni gravi e polmonite.

Sono state modellate le differenze alla settimana 52 in un volume espiratorio massimo in 1 secondo ( FEV1 ), punteggio totale St George's Respiratory Questionnaire ( SGRQ ) e TDI ( Transition Dyspnoea Index ), utilizzando modelli di effetti misti a misure ripetute.

L'entità del beneficio dei regimi contenenti corticosteroidi per via inalatoria ( Fluticasone furoato - Umeclidinio-Vilanterolo n=4.151 e Fluticasone furoato - Vilanterolo n=4.134 ) nel ridurre i tassi di esacerbazioni moderate e gravi è aumentato in proporzione al conteggio degli eosinofili nel sangue, rispetto a un doppio broncodilatatore a lunga durata d'azione non-ICS ( Umeclidinio - Vilanterolo n=2.070 ).

Il tasso di esacerbazione moderato e grave per la tripla terapia rispetto a Umeclidinio-Vilanterolo è stato pari a 0.88 al conteggio degli eosinofili nel sangue inferiore a 90 cellule per microl e a 0.56 con conteggi di 310 cellule per microl o più; il rate ratio corrispondente per Fluticasone furoato-Vilanterolo verso Umeclidinio-Vilanterolo è stato rispettivamente pari a 1.09 e a 0.56.

Risultati simili sono stati osservati per FEV1, Transition Dyspnoea Index e punteggio totale SGRQ; tuttavia, la relazione con FEV1 era meno marcata.
A conte di eosinofili nel sangue inferiori a 90 cellule per microl e con conteggi di 310 cellule per microl o più, la differenza tra terapia tripla e Umeclidinio-Vilanterolo è stata di 40 ml e 60 ml per FEV1 a valle, −0.01 e 0.30 per il Transition Dyspnoea Index e −0.01 e −2.78 per il punteggio totale SGRQ, rispettivamente.

Lo stato di fumo ha modificato la relazione tra efficacia osservata e conta degli eosinofili nel sangue per esacerbazioni moderate o gravi, Transition Dyspnoea Index e FEV1, con gli ex fumatori più sensibili ai corticosteroidi a qualsiasi conta degli eosinofili rispetto ai fumatori attuali.

Questa analisi dello studio IMPACT ha mostrato che la valutazione della conta degli eosinofili nel sangue e dello stato di fumo ha il potenziale per ottimizzare l'uso dei corticosteroidi per via inalatoria nella pratica clinica nei pazienti con BPCO e una storia di esacerbazioni. ( Xagena2019 )

Pascoe S et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 745-756

Pneumo2019 Farma2019


Indietro