Pneumobase.it
OncoPneumologia
Esmr
Tumore polmone

Le statine associate a bassi tassi di mortalità nei pazienti con BPCO


La prescrizione di una statina entro un anno dalla diagnosi di malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) è risultata associata a una riduzione del 21% del rischio successivo di mortalità per qualsiasi causa e a una diminuzione del rischio di mortalità polmonare del 45%, secondo una analisi retrospettiva di un database amministrativo.

I risultati confutano quelli dello studio STATCOPE ( Simvastatin in the Prevention of COPD Exacerbation ), in cui la Simvastatina assunta giornalmente ( 40 mg ) non aveva influenzato i tassi di esacerbazione o il tempo alla prima esacerbazione nei pazienti con BPCO ad alto rischio.

Il nuovo studio era di tipo osservazionale, ma l'associazione tra uso della statina e ridotta mortalità è persistita attraverso diverse misure di esposizione alla statina.
Questi dati, in combinazione con precedenti evidenze, hanno indicato che ci può essere un sottotipo specifico di pazienti affetti da BPCO che possono beneficiare dell'uso della statina.

La BPCO colpisce circa il 12% degli adulti di età superiore ai 30 anni e più anziani in tutto il mondo ed è associata a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari progressive e mortalità cardiovascolare.
Nei pazienti con BPCO viene osservata una infiammazione cronica localizzata delle vie aeree, ma in un sottogruppo di pazienti l'infiammazione è sistemica.
Studi hanno collegato l'infiammazione sistemica a basso livello cronico o i livelli elevati di proteina C reattiva con l'aumentato rischio di ostruzione delle vie aeree, altri esiti polmonari e eventi avversi cardiovascolari.
Questi risultati hanno indotto a ritenere che la progressione della BPCO si traduca in una infiammazione sistemica, non un eccesso dell'infiammazione polmonare, e che le statine potrebbero aiutare a rallentare o bloccare questo processo.
Anche se STATCOPE non fornisce supporto a questa ipotesi, in precedenza diversi studi osservazionali erano giunti alle stesse conclusioni.

Per esplorare ulteriormente la questione, i ricercatori hanno analizzato i dati di quasi 40.000 pazienti di età compresa tra i 50 e oltre che avevano ricevuto almeno tre prescrizioni per un beta-agonista a breve durata d'azione ( SABA ) o un anticolinergico nell'arco di 12 mesi nel periodo compreso tra il 1998 e il 2007.
La prima prescrizione è stata considerata la data della diagnosi della BPCO. L'età media dei pazienti era di 71 anni; il 55% era di sesso femminile.

A un totale di 7.775 pazienti ( 19.6% ) che hanno incontrato la definizione di BPCO incidente era stata prescritta una statina almeno una volta durante l'anno successivo.
Questi pazienti hanno mostrato un rischio significativamente ridotto di mortalità per qualsiasi causa nelle analisi univariate e multivariate, con rapporti di rischio ( hazard ratio ) di 0.79 ( intervalli di confidenza del 95%, da 0.68 a 0.91, P inferiore a 0.002 ).
Le statine hanno anche mostrato un effetto protettivo nei confronti della mortalità polmonare, con hazard ratio univariati e multivariati, rispettivamente, di 0.52 ( P = 0.01) e 0.55 ( P = 0.03 ).

L'effetto protettivo delle statine si è mantenuto quando i ricercatori hanno ridotto il periodo di esposizione a 6 mesi dopo la diagnosi della BPCO e quando lo hanno esteso a 18 mesi.
L'esposizione alle statine per l'80% della finestra di 1 anno dopo la diagnosi della BPCO, ha anche portato a un rischio ridotto di mortalità per qualsiasi causa, ma l'intervallo di confidenza del 95% per il rapporto di rischio non ha raggiunto la significatività statistica ( 0.71-1.01; P = 0.06 ). ( Xagena2017 )

Fonte: Chest, 2017

Cardio2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro