Pneumobase.it
Tumore polmone
XagenaNewsletter
Esmr

Metoprololo per la prevenzione delle esacerbazioni acute della BPCO


Studi osservazionali suggeriscono che i beta-bloccanti possono ridurre il rischio di esacerbazioni e morte nei pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) moderata o grave, ma questi risultati non sono stati confermati in studi randomizzati.

In uno studio prospettico, randomizzato, sono stati assegnati pazienti di età compresa tra 40 e 85 anni che avevano BPCO a ricevere un beta-bloccante ( Metoprololo a rilascio prolungato ) o un placebo.
Tutti i pazienti avevano una storia clinica di BPCO, insieme a una moderata limitazione del flusso d'aria e a un aumentato rischio di esacerbazioni, come evidenziato da una storia di esacerbazioni durante l'anno precedente o dall'uso prescritto di Ossigeno supplementare.

Sono stati esclusi i pazienti che stavano già assumendo un beta-bloccante o che avevano una indicazione consolidata per l'uso di tali farmaci.

L'endpoint primario era il tempo alla prima esacerbazione della BPCO durante il periodo di trattamento, che variava da 336 a 350 giorni, a seconda della dose aggiustata di Metoprololo.

In totale 532 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione. L'età media dei pazienti era di 65.0 anni; il volume espiratorio forzato medio in 1 secondo ( FEV1 ) era 41.1% del valore previsto.

Lo studio è stato interrotto precocemente a causa della futilità rispetto all'endpoint primario e alle preoccupazioni in materia di sicurezza.

Non vi è stata alcuna differenza significativa tra i gruppi nel tempo mediano alla prima esacerbazione, che era di 202 giorni nel gruppo Metoprololo e 222 giorni nel gruppo placebo ( hazard ratio per Metoprololo vs placebo, HR=1.05; P=0.66 ).

Metoprololo è risultato associato a un rischio più elevato di esacerbazioni che portavano al ricovero in ospedale ( HR=1.91 ).

La frequenza degli effetti collaterali probabilmente correlati al Metoprololo era simile nei due gruppi, così come il tasso complessivo di eventi avversi gravi non-respiratori.

Durante il periodo di trattamento, ci sono stati 11 decessi nel gruppo Metoprololo e 5 nel gruppo placebo.

Tra i pazienti con BPCO moderata o grave che non avevano un'indicazione consolidata per l'uso di beta-bloccanti, il tempo fino alla prima esacerbazione della BPCO è risultato simile nel gruppo Metoprololo e nel gruppo placebo.
Il ricovero per esacerbazione era più comune tra i pazienti trattati con Metoprololo. ( Xagena2019 )

Dransfield MT et al, N Engl J Med 2019; 381: 2304-2314

Pneumo2019 Farma2019


Indietro