Pneumobase.it
XagenaNewsletter
Esmr
OncoPneumologia

Previsione della risposta a Benralizumab nella broncopneumopatia cronica ostruttiva: studi GALATHEA e TERRANOVA


Benralizumab ( Fasenra ) non ha ridotto significativamente le esacerbazioni rispetto al placebo negli studi di fase 3 GALATHEA e TERRANOVA nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).
Sono state identificate le caratteristiche cliniche e fisiologiche dei pazienti con BPCO che possono aiutare a identificare le persone che potrebbero avere il massimo effetto terapeutico con Benralizumab.

Sono stati analizzati i risultati degli studi individuali e aggregati di GALATHEA e TERRANOVA.

All'arruolamento nello studio, i pazienti di GALATHEA e TERRANOVA avevano un'età compresa tra 40 e 85 anni, avevano una limitazione del flusso d'aria da moderata a molto grave, avevano conte di eosinofili nel sangue elevate e almeno due esacerbazioni o una esacerbazione grave nell'anno precedente nonostante la doppia terapia inalatoria ( corticosteroidi per inalazione più beta-2-agonisti a lunga durata d'azione o beta-2-agonisti a lunga durata d'azione più antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ) o tripla terapia inalatoria ( corticosteroidi per inalazione più beta-2-agonisti a lunga durata d'azione più antagonisti muscarinici a lunga durata d'azione ).

Sono stati analizzati i dati per 3.910 pazienti che hanno ricevuto Benralizumab ( 30 mg o 100 mg per via sottocutanea ogni 8 settimane; prime 3 dosi ogni 4 settimane ) oppure placebo con terapia doppia o tripla per identificare i fattori costantemente associati alla riduzione annuale del tasso di esacerbazione.

È stato valutato il tasso di esacerbazione annuale per Benralizumab rispetto al placebo come endpoint primario.

Per 2.665 pazienti con conta ematica elevata di eosinofili, l'effetto del trattamento con Benralizumab ogni 8 settimane a 100 mg, ma non a 30 mg, si è verificato per pazienti con anamnesi di esacerbazioni più frequenti, scarsa funzionalità polmonare al basale o miglioramento della funzione polmonare basale maggiore con broncodilatatori a breve durata d’azione.

I pazienti con conta eosinofila ematica al basale di 220 cellule per mcl o superiore con: 3 o più esacerbazioni nell'anno precedente che avevano ricevuto Benralizumab ogni 8 settimane rispetto al placebo, avevano rate ratio ( RR ) di 0.69 per 100 mg e 0.86 per 30 mg; FEV 1 post-broncodilatatore inferiore al 40% avevano RR di 0.76 per 100 mg e 0.90 per 30 mg; e risposta post-broncodilatatore almeno del 15% avevano RR di 0.67 per 100 mg e 0.87 per 30 mg.

Quando sono stati esaminati i fattori combinati, i pazienti con conta ematica elevata di eosinofili al basale, con 3 o più esacerbazioni nell'anno precedente e che erano stati sottoposti a tripla terapia sono stati identificati come soggetti con probabile beneficio da Benralizumab 100 mg ogni 8 settimane rispetto al placebo ( RR=0.70 ). Benralizumab 30 mg ogni 8 settimane non ha giovato ai pazienti che soddisfacevano questi criteri rispetto al placebo ( RR=0.99 ).

Una conta ematica elevata di eosinofili combinata con caratteristiche cliniche ha identificato una sottopopolazione di pazienti con BPCO che hanno avuto una riduzione delle esacerbazioni con il trattamento con Benralizumab.
Queste analisi hanno identificato la potenziale efficacia di Benralizumab 100 mg per questa sottopopolazione.
Questi risultati richiedono una valutazione prospettica negli studi clinici. ( Xagena2020 )

Criner GJ et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 158-170

Pneumo2020 Farma2020


Indietro