Pneumobase.it
Esmr
Tumore polmone
OncoPneumologia

Test della proteina ​​C-reattiva per guidare la prescrizione degli antibiotici per esacerbazioni della BPCO


l test point-of-care ( POCT ) della proteina C-reattiva ( CRP ) possono essere un modo per ridurre l'uso non necessario di antibiotici senza danneggiare i pazienti che hanno esacerbazioni acute di broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).

È stato effettuato uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato, controllato che ha coinvolto pazienti con una diagnosi di BPCO che hanno consultato un medico presso 1 delle 86 cliniche in Inghilterra e Galles per una esacerbazione acuta di BPCO.
I pazienti sono stati assegnati a ricevere cure abituali guidate dai test POCT di CRP ( gruppo guidato da CRP ) o solo le cure usuali ( gruppo di cure usuali ).

Gli esiti primari erano l'impiego di antibiotici per esacerbazioni acute di BPCO riportate dai pazienti entro 4 settimane dalla randomizzazione ( per mostrare la superiorità ) e lo stato di salute correlato alla BPCO a 2 settimane dalla randomizzazione, come misurato dal Clinical COPD Questionnaire ( CCQ ), una scala in 10 punti con punteggi da 0 ( ottimo stato di salute della BPCO ) a 6 ( stato di salute della BPCO estremamente scadente ) ( per mostrare la non-inferiorità ).

In totale 653 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione.

Un minore numero di pazienti nel gruppo guidato da CRP ha riportato uso di antibiotici rispetto al gruppo di cure abituali ( 57.0% vs 77.4%; odds ratio aggiustato, aOR=0.31 ).

La differenza media aggiustata nel punteggio totale alla scala CCQ a 2 settimane è stata di -0.19 punti a favore del gruppo guidato da CRP.

Le decisioni sulla prescrizione di antibiotici prese dai medici durante la consultazione iniziale sono state verificate per tutti i pazienti tranne uno e le prescrizioni di antibiotici emesse durante le prime 4 settimane di follow-up sono state verificate per il 96.9% dei pazienti.

Una percentuale più bassa di pazienti nel gruppo guidato dalla CRP rispetto al gruppo di cura abituale ha ricevuto una prescrizione antibiotica alla consultazione iniziale ( 47.7% vs 69.7%, per una differenza di 22.0 punti percentuali; aOR=0.31 ) e durante le prime 4 settimane di follow-up ( 59.1% vs 79.7%, per una differenza di 20.6 punti percentuali; aOR=0.30 ).

Due pazienti nel gruppo di cura abituale sono deceduti entro 4 settimane dalla randomizzazione per cause considerate indipendenti dalla partecipazione allo studio.

La prescrizione guidata da CRP di antibiotici per esacerbazioni della BPCO nelle cliniche di assistenza primaria ha portato a una percentuale inferiore di pazienti che hanno riferito di un uso di antibiotici e che hanno ricevuto prescrizioni di antibiotici da parte dei medici, senza evidenze dannose. ( Xagena2019 )

Butler CC et al, N Engl J Med 2019; 381: 111-120

Pneumo2019 Inf2019 Farma2019


Indietro