GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
OncoPneumologia

Uso di statine ed esacerbazioni nei soggetti con malattia polmonare ostruttiva cronica


È stata esaminata l'ipotesi secondo cui l'uso di statine in soggetti con malattia polmonare cronica ostruttiva ( BPCO ) è associato a un ridotto rischio di riacutizzazioni.

Sono stati identificati 5.794 pazienti con BPCO e una misurazione dei livelli di proteina-C reattiva ( CRP ) nel Copenaghen General Population Study ( 2003-2008 ).

Durante 3 anni di follow-up sono state registrate le esacerbazioni con ricoveri ospedalieri o trattamento con corticosteroidi per via orale.

In uno studio caso-controllo nidificato, abbinando per età, sesso, fumo, gravità della BPCO e comorbidità, è stata stimata l'associazione tra uso di statine e riacutizzazioni.
Inoltre, è stata esaminata l'associazione tra uso di statine e alti livelli di CRP ( più di 3 mg/l ) e l'associazione tra CRP alta e riacutizzazioni durante il follow-up.

L’uso di statine è risultato associato a ridotte probabilità di esacerbazioni nell'analisi grezza, OR=0.68 ( P=0.01 ), così come in analisi di regressione logistica condizionale multivariata, OR=0.67 ( P=0.01 ).

Tuttavia, nel sottogruppo con BPCO più grave e senza comorbidità cardiovascolare, è stata osservata una associazione nulla tra uso di statine e riacutizzazioni ( OR=1.1; P=0.83 ).

Inoltre, l'uso di statine è risultato associato a ridotte probabilità di CRP alta ( OR=0.69; P minore di 0.001 ), e alti livelli di CRP erano associati a un aumentato rischio di riacutizzazioni ( hazard ratio, HR=1.62; P minore di 0.001 ).

È stata stimata la percentuale di eccesso di rischio per l’associazione tra uso di statine ed esacerbazioni probabilmente mediata attraverso una riduzione di CRP del 14% ( 4-51% ).

In conclusione, l’uso di statine è associato a ridotte probabilità di esacerbazioni in soggetti con BPCO dalla popolazione generale, anche se questo non è stato evidente nei pazienti con BPCO più grave senza comorbidità cardiovascolare.
Le statine possono quindi essere associate solo con un rischio ridotto di riacutizzazioni nei pazienti con BPCO con coesistente malattia cardiovascolare. ( Xagena2015 )

Ingebrigtsen TS et al, Thorax 2015; 70: 33-40

Pneumo2015 Farma2015


Indietro